ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Venezuela, spenta tv critica con Chavez

Lettura in corso:

Venezuela, spenta tv critica con Chavez

Dimensioni di testo Aa Aa

Una televisione venezuelana critica col presidente Hugo Chavez si è vista ritirare la licenza. RCTV International non potrà più trasmettere via cavo, dopo che due anni fa era stata obbligata a interrompere le trasmissioni via etere per lo stesso motivo: non mandava in onda i torrenziali discorsi del capo dello Stato. Una legge impone infatti a tutte le emittenti di trasmettere gli interventi del presidente.
“Questo è un appello in favore di quello che facciamo, che è civile e democratico – dice William Echeverria, presidente dell’Ordine dei giornalisti -. Un appello contro l’abuso di potere che vediamo applicato sistematicamente, una cosa molto pericolosa per la libertà del nostro Paese”.
Da due anni RCTV trasmette da Miami, negli Stati Uniti, ma la legge la considera un’emittente nazionale perché almeno il 30 per cento della sua produzione è realizzato in Venezuela.
“Ci sono dei piccolo borghesi che si permettono il lusso di sfidare il governo – dice Chavez -. Bene. Se non possono osservare la legge, non trasmetteranno più”.
L’interruzione delle trasmissioni hertziane, nel 2007, scatenò una protesta di piazza a Caracas. All’epoca la direzione di RCTV era accusata di aver appoggiato il colpo di Stato che aveva temporaneamente allontanato Chavez dal potere.