ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Freddo siberiano su Romania, Polonia, Bulgaria e Turchia. Almeno 40 i morti

Lettura in corso:

Freddo siberiano su Romania, Polonia, Bulgaria e Turchia. Almeno 40 i morti

Dimensioni di testo Aa Aa

Sono già una quarantina le vittime dell’ondata di freddo che si è abbattuta su Romania, Polonia, Bulgaria e Turchia. Le temperature con picchi di -35 gradi hanno creato disagi alla circolazione stradale e ferroviaria, rendendo a molti impossibile perfino di raggiungere il posto di lavoro.

Chiuse molte scuole, soprattutto in Romania, dove i pochi istituti muniti di impianto di riscaldamento sono rimaste aperte, anche se per gli studenti è stato necessario un surplus di maglioni e cappotti.

Situazione difficile anche in Polonia, dove a causa del freddo sono morte 11 persone tra le quali un bambino, portando a 202 il numero delle vittime causate dal freddo dall’inizio di novembre.

In Polonia la morte per assideramento colpisce soprattutto gli alcoolisti e i senzatetto, in gran parte uomini di età compresa tra i 35 e i 60 anni.

Immagini inconsuete anche quelle che arrivano da Istanbul, dove la tormenta di neve della notte tra venerdì e sabato ha costretto interi quartieri a restare senza gas e corrente elettrica.

Secondo le previsioni, le condizioni meteo dovrebbero migliorare gradualmente a partire dalla fine della settimana, per quando si attende una mitigazione del fronte freddo proveniente dalla Siberia.