ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Belgio. Chiesta un'indagine della Commissione Ue dopo l'annuncio della chiusura dell'Opel di Anversa

Lettura in corso:

Belgio. Chiesta un'indagine della Commissione Ue dopo l'annuncio della chiusura dell'Opel di Anversa

Belgio. Chiesta un'indagine della Commissione Ue dopo l'annuncio della chiusura dell'Opel di Anversa
Dimensioni di testo Aa Aa

E’ una pagina di storia durata 80 anni che si chiude.
E che sta indignando il Belgio. L’impianto Opel di Anversa chiuderà tra pochi mesi. 2600 operai andranno a casa, altri posti di lavoro verranno soppressi nell’indotto. I lavoratori da mercoledi tentano un’ultima disperata resistenza.

“Il Belgio è un paese piccolo non puo’ permettersi di elargire aiuti statali al settore come in Germania. Qui manca l’onestà e l’umanità” spiega una sindacalista.

I sindacati hanno chiesto al governo federale di presentare un atto d’accusa formale contro General Motors casa madre di Opel da presentare alla Commissione Europea.

I tagli annunciati da General Motors colpirebbero un sito produttivo molto piu efficiente di quello di Bochum ad esempio. Ma a pesare sarebbero appunto ragionamenti di tipo politico.

“L’impianto di Anversa era e resta competitivo – ha sottolineato ieri una parlamentare socialista ai microfoni di Euronews – alle autorità europee chiediamo un’indagine per capire su che basi è stata presa questa decisione”

La casa automobilistica intende produrre i nuovi Suv in Corea del Sud. Una nuova delocalizzazione che mette in evidenza l’assenza di una politica comune europea per arginare la crisi e sostenere i settori in difficoltà.