ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Haiti, aeroporto intasato di aiuti, ma la popolazione ancora lasciata a se stessa

Lettura in corso:

Haiti, aeroporto intasato di aiuti, ma la popolazione ancora lasciata a se stessa

Dimensioni di testo Aa Aa

Non migliora la situazione ad Haiti, dove la maggior parte della popolazione colpita dal sisma è ancora senza aiuti. La macchina dei soccorsi tarda a entrare a regime, soprattutto a causa della mancanza di infrastrutture.

Mentre ad ogni giorno che passa aumenta il rischio di epidemie di tifo e colera, all’aeroporto di Port-au-Prince continuano ad atterrare cargo carichi di generi di prima necessità, che però nessuno sa dove mettere. Mancano ancora medicinali, tende, e acqua potabile.

“E’ appena arrivato un aereo con dei soldati statunitensi e dei carichi umanitari. Cosa trasportano? Principalmente delle scatole di cibi conservati, farina, fecola, lenticchie, zucchero e olio. Insomma, i prodotti basilari di cui ha bisogno la popolazione per sopravvivere in questo momento”.

Intanto le autorità statunitensi hanno organizzato dei voli per gli haitiani con doppia cittadinanza, permettendo loro di lasciare il paese.

Un primo gruppo di 250 persone è riuscito a partire, ma sono molti di più coloro che restano in attesa di un prossimo volo. Ad Haiti, secondo alcune stime, sarebbero almeno 45.000 i residenti con passaporto Usa.