ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Vienna Philharmonic Orchestra


musica

Vienna Philharmonic Orchestra

In partnership con

Una delle piu’ prestigiose orchestre del mondo, nell’evento musicale piu’ ambito dell’anno: è l’Orchestra Filarmonica di Vienna, nel concerto di Capodanno, che si tiene nella Sala d’Oro della Musikverein della capitale austriaca.

Il programma dell’esibizione è tradizione pura: soprattutto i waltzer di Johann Strauss.

Lo spiega il presidente dell’Orchestra e primo violino, Clemens Hellsberg: “E’ una musica molto viennese, espressione e illustrazione della vita viennese. La nostra Orchestra è cosi’ strettamente legata a questo tipo di musica perche’ molti di noi sono cresciuti con essa. Quello che cerchiamo è un concerto, o un tipo di musica, che sia molto popolare; ma che sia allo stesso tempo del piu’ altro livello artistico, perche’ le oprere della dinastia Strauss sono capolavori”.

In questa prestigiosa orchestra, i cui membri si auto-governano, non c‘è un direttore stabile. Per ogni concerto di Capodanno viene invitato un direttore tra i piu’ quotati al mondo. L’edizione 2010 ha visto sul podio il francese Georges Prêtre.

Nonostante il suo carattere mittel-europeo, alcuni musicisti dell’Orchestra vengono da molto lontano. E si devono adattare, anche musicalmente: la prima viola viene dall’Australia

“Il modo in cui ora suono – afferma il musicista Tobias Lea – è davvero viennese. Del mio spirito autraliano resta la libertà, che deriva dall’essere io cresciuto al sole sulla spiaggia, e dall’essere stato nove mesi l’anno a piedi nudi”.

“La musica – osserva Hellsberg – aveva un’importanza particolare per gli Asburgo, come pure per gli abitanti di Vienna. Se cammino per la città, sono ben consapevole del fatto che Mozart camminava per le stesse strade, o che Beethoven poteva vedere questo palazzo mentre era in costruzione, che Haydn o Brahms stavano qui… La politica e l’economia dettano ogni cosa. Sono convinto che il mondo sarebbe un luogo migliore se ascoltasse di piu’ il messaggio delle arti”.

La nostra scelta