ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Terremoto: in Italia si studiano i materiali per le costruzioni

Lettura in corso:

Terremoto: in Italia si studiano i materiali per le costruzioni

Dimensioni di testo Aa Aa

Gli ultimi tragici eventi hanno mostrato, ancora una volta, che un terremoto è più pericoloso se case e infrastrutture non sono state costruite in base a severe norme di sicurezza.
Ad Ispra, in provincia di Varese, c‘è l’ELSA, il Laboratorio per le verifiche strutturali appartenente alla Commissione Europea. Qui si effettuano test per valutare la solidità di diversi tipi di edifici. La simulazione di un sisma rende possibile osservare le deformazioni subite dalle strutture.

Con l’aiuto di queste grandi braccia idrauliche, l’edificio viene scosso da forze paragonabili a quelle prodotte da un terremoto.

Michel Gerardin, capo del laboratorio ELSA:
‘‘Simuliamo il sisma tramite mezzi elettromeccanici. Ciò che è interessante sapere è che per ogni prova come questa, c‘è un computer collegato alla rete che calcola in ogni momento i carichi del terremoto e li applica effettivamente alla struttura’‘.

L’esperimento dura più di un’ora e riproduce le scosse che vengono generate in dieci secondi da un vero sisma. Accelerando le immagini e analizzandole, abbiamo l’impressione che il terremoto sia reale. In questo modo si può osservare il comportamento dei diversi materiali.

Atri test importanti che vengono effettuati nei laboratori dell’ELSA sono quelli relativi alla solidità dei grandi cavi, in particolare quelli usati per la costruzione dei ponti. In questa grande struttura mobile, un cavo riceve molte sollecitazioni, come per esempio le vibrazioni. Qui si analizzano le sue reazioni.

Michel Gerardin:
‘‘Il cavo è un componente il cui comportamento è ancora relativamente sconosciuto. In particolare, a livello di vibrazioni, se si cambia il suo orientamento, cambia anche la gravità. Inoltre, ciò che può intervenire, un altro elemento da tenere in considerazione, è la tensione del cavo. Attraverso queste prove, modifichiamo l’orientamento e la tensione del cavo e per ognuna di queste configurazioni ne studiamo il comportamento”.

I risultati di tutti questi esperimenti vengono attentamente raccolti e studiati. Sperando che in futuro gli edifici possano essere costruiti con nuovi metodi.