ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Obama: si alla tassa sulle banche

Lettura in corso:

Obama: si alla tassa sulle banche

Dimensioni di testo Aa Aa

Le banche americane sono in parte responsabili della crisi che ha colpito gli Stati Uniti a settembre del 2008 e poi si è diffusa a macchia d’olio in Europa. Una crisi che avrebbe poututo avere effetti disastrosi se il Tesoro americano non avesse mano al portafoglio con un massiccio piano di aiuti.

Un anno e mezzo dopo Obama chiede in modo chiaro che una tassa venga applicata sulle istituzioni colpevoli di aver dato vita alla crisi

“Si tratta di una tassa che dovrà ricevere il via libera del Congresso fino a quando il popolo americano non sarà totalmente compensato per l’assistenza straordinaria fornita alle istituzioni finanzirie”.

Una presa di posizione che non ha sorpreso nè gli analisti nè i banchieri che per la maggior parte hanno già restitituito gli aiuti.
Una situazione che invece penalizza i consumatori degli Stati Uniti che dicembre hanno fatto scendere l’ammontare delle vendite natalizie.