ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Audizioni dei commissari Ue: il giorno di de Gucht e della contestata Jeleva

Lettura in corso:

Audizioni dei commissari Ue: il giorno di de Gucht e della contestata Jeleva

Dimensioni di testo Aa Aa

Secondo giorno d’esame per i futuri commissari europei: oggi è toccato al belga Karel de Gucht che si occuperà di Commercio. De Gucht si è detto fiducioso di concludere il Doha round quest’anno o nel 2011.

Ma dovrà fare i conti con uno scenario in cui la liberalizzazione del commercio trova meno adepti che in passato a causa della crisi economica.

Nell’audizione di lunedì all’europarlamento Catherine Ashton è stata promossa, tra numerose critiche. Il futuro alto rappresentante per la politica estera ha auspicato che la voce dell’Unione Europea sia ascoltata nel mondo.

Poi ha difeso il suo passato da attivista per il disarmo nucleare negli anni ’70. “Non me ne vergogno”, ha detto, “potete essere contrari a quello che ho fatto, ma non potete criticare quello per cui mi stavo battendo”.

Scettici verdi, liberali e conservatori che la accusano di aver formulato un discorso vago anche sui grandi temi come l’Afghanistan o il Medio Oriente.

“Quello che trovo un pò più criticabile è che su questioni come la difesa e i rapporti transatlantici mi sembra abbia un punto di vista piuttosto britannico”, afferma Arnaud Danjean, eurodeputato francese del Ppe, “ma l’ho trovata più a suo agio rispetto al nostro primo colloquio”.

Si annuncia spinosa la prova per Rumiana Jeleva, commissario designato alla cooperazione internazionale. Josè Manuel Barroso ha difeso in una lettera ai parlamentari l’ex ministro degli Esteri bulgaro, criticato da stampa e verdi secondo i quali il marito avrebbe legami con la mafia.