ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Balcani, emergenza inondazioni

Lettura in corso:

Balcani, emergenza inondazioni

Dimensioni di testo Aa Aa

Per evitare un possibile disastro il governo albanese ha deciso di aprire i portelloni delle dighe lungo il fiume Drini per alimentare tre grandi centrali idroelettriche.

Uno spettacolo impressionante. Il livello dell’acqua era cresciuto a dismisura negli ultimi giorni a causa delle pioggie incessanti e dello scioglimento delle nevi causato dal rialzo delle temperature.

Almeno 10 mila ettari di terreno sono inondati. L’esercito ha evacuato 4 mila persone
Le regioni più colpite sono quelle nel nord del paese.

Anche l’Italia ha inviato sul posto un‘équipe di esperti per coadiuvare il lavoro dei tecnici mandati da Tirana.

Non solo l’Albania, ma tutti i Balcani sono da giorni sotto piogge torrenziali. Nella valle croata della Neretva la situazione è critica. Anche il fiume Lika nel centro del paese rischia di esondare. Il lago artificiale di Kruscice ha già allagato le aree circostanti.

Sulla costa dalmata la pioggia si è spesso trasformata in grandine creando gravi danni alle colture.
In Bosnia i fiumi hanno tutti superato il livello di guardia. Molti torrenti sono straripati. La situazione è peggiore nel centro e nel sud del Paese. Molti residenti nelle campagne hanno rifiutato l’evacuazione per paura di perdere le loro cose e i loro animali.