ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

ETA: quattro arresti, sequestrato esplosivo

Lettura in corso:

ETA: quattro arresti, sequestrato esplosivo

Dimensioni di testo Aa Aa

Quattro arresti, esplosivo sequestrato: ore pesanti per i terroristi baschi dell’ETA.
Un uomo e una donna, presunti membri dell’organizzazione, sono stati intercettati dalla Guardia Civil mentre trasportavano esplosivo, circa dieci chili di pentrite, a bordo di un furgone immatricolato in Francia. Trovate anche armi, inneschi, documenti falsi. Incappati in un controllo stradale presso la cittadina spagnola di Zamora, i due sospetti sono fuggiti con un’auto della Guardia Civil e hanno attraversato la frontiera per essere poi arrestati dalla polizia portoghese, a Torre de Moncorvo.

Dei due, la più pericolosa è la donna, Garikoitz Garcia Arrieta: era nella lista dei latitanti di spicco.

Proprio in questi giorni, il governo spagnolo, che ha appena assunto la presidenza di turno dell’Unione europea, aveva alzato il livello d’allerta. Il ministro dell’interno spiega:

“Sappiamo cosa sta preparando l’ETA, e quanto accaduto in questi giorni dimostra che lo sappiamo. Naturalmente l’inchiesta dovrà chiarire a quale operazione era destinato questo furgone, ma quello che è chiaro è che noi sappiamo quello che intende fare l’ETA, e l’ETA sa che non abbasseremo la guardia”.

Poche ore prima, altri due presunti terroristi baschi erano stati arrestati in Francia, nei pressi di Clermont-Ferrand, dove era stato individuato un arsenale dell’ETA. Gli agenti lo sorvegliavano, ed hanno arrestato i due, latitanti di rilievo, mentre si avvicinavano per prelevare denaro.

L’arsenale scoperto è l’ultimo di una serie: nelle immagini un altro arsenale scoperto nella stessa zona alcuni mesi fa. Le operazioni contro l’ETA, grazie anche alla collaborazione intensificata con la polizia francese, hanno subito un’accelerazione negli ultimi mesi.