ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Airbus: appello agli acquirenti per salvare l'A400M

Lettura in corso:

Airbus: appello agli acquirenti per salvare l'A400M

Dimensioni di testo Aa Aa

A rischio il futuro dell’A400M. Primo aereo militare nella storia di Airbus, il colosso dei cieli, tra gli altri già commissionato da sette paesi Nato, potrebbe non andare oltre il suo volo inaugurale, avvenuto a dicembre a Siviglia. A minacciare il faraonico progetto da 20 miliardi di euro, una pesante eredità di ritardi e conseguenti rincari.

La conferma arriverebbe dagli stessi vertici della Airbus. Primo scettico, secondo il Financial Times Deutschland, lo stesso amministratore delegato Tom Enders. Gli acquirenti aprano i cordoni della borsa, il suo aut aut, o quest’avventura si concluderà qui.

Avveniristico velivolo in grado di imbarcare carri armati ed elicotteri, l’A400 M è infatti negli anni cresciuto anche nei costi. Pomo della discordia: la richiesta ai committenti di accolarsi una differenza tra i 5 e gli 11 miliardi di euro.

Airbus mette l’accento sulle ricadute occupazionali: con il progetto rischiano di naufragare 40.000 posti di lavoro europei. L’ultima spiaggia sono ora le consultazioni, che la società riprenderà a giorni con i rappresentanti dei governi acquirenti.