ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Iran, incerta la sorte di due leader dell'opposizione

Lettura in corso:

Iran, incerta la sorte di due leader dell'opposizione

Dimensioni di testo Aa Aa

Iran, resta incerta la sorte degli oppositori Mir Hossein Mussavi e Mehdi Karrubi. Sono scappati, dicono fonti ufficiali. Sono ancora a Teheran, replicano le famiglie, e continueranno a parlare alla gente.

Il regime intanto ha chiamato a una mobilitazione generale: migliaia di persone sono scese in piazza, scandendo slogan minacciosi e chiedendo a gran voce la morte dei dissidenti.

Sono nemici di Dio, rincarano la dose alcuni ayatollah, e come tali vanno giustiziati se non chiedono perdono.

Il presidente Mahmud Ahmadinejad non recede dalla sua posizione di totale chiusura e punta il dito sulle ingerenze dell’occidente, colpevole a suo avviso di aver orchestrato le manifestazioni di domenica finite nel sangue.

Intanto, gli espatriati iraniani si sono mobilitati nelle piazze europee contro il governo, denunciando le centinaia di arresti arbitrari, le intimidazioni, i morti e i feriti degli ultimi giorni.

E soprattutto, a Londra come a Parigi, chiedono sicurezza per la popolazione, oppressa da crisi e repressione e alla mercé di violenze quotidiane

In assenza di fonti attendibili, video artigianali provano che gli scontri per le strade sono all’ordine del giorno, perpetrati dalla stessa polizia su persone inermi. L’obbiettivo sembra essere uno solo: schiacciare il dissenso sul nascere.