ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Fallito attentato di Natale: Cia sotto accusa

Lettura in corso:

Fallito attentato di Natale: Cia sotto accusa

Dimensioni di testo Aa Aa

Disattenzione, errori umani e mancato coordinamento. A pochi giorni dal fallito attentato di Natale al volo Amsterdam-Detroit, parte il processo ai responsabili delle falle nei sistemi di sicurezza.

Sul web la celebrazione di Al Qaida dell’aspirante kamikaze: “Imbarcandosi con l’esplosivo – scrivono – ha frantumato il mito della sicurezza americana”.

Parole a cui il presidente Obama replica con un duro richiamo alle responsabilità.

“E’ chiaro che un misto di errori umani e sistemici ha contribuito a questo fallimento della sicurezza – ha detto dalla base di Kanehoe Bay, nelle Hawaii -. Dobbiamo imparare da questo episodio e rimediare velocemente alle carenze del sistema perché sono in gioco vite umane e la nostra sicurezza”.

Sotto accusa, anche il ritardo della Cia nel gestire la segnalazione del giovane terrorista. Un passaggio, che avrebbe consentito di inserirlo per tempo nelle “no fly list”.

“Condividiamo le informazioni molto meglio che prima dell’attentato alle Torri Gemelle – replica Lee-Hamilton vicepresidente della Commissione per l’11 settembre -. C‘è però ancora molta strada da fare”.

Un’urgenza ribadita dallo stesso governo yemenita. Negli stessi campi dove l’aspirante kamikaze nigeriano sostiene di aver ricevuto esplosivo e istruzioni, si anniderebbero infatti almeno altri trecento militanti di Al Qaida.