ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sicurezza aerea: allarme dopo il fallito attentato di Natale

Lettura in corso:

Sicurezza aerea: allarme dopo il fallito attentato di Natale

Dimensioni di testo Aa Aa

Allarme sulla sicurezza negli aeroporti, dopo il fallito attentato sul volo Amsterdam-Detroit del giorno di Natale. Principale interrogativo è come sia stato possibile eludere i controlli, conducendo a bordo il potente esplosivo, che il sospetto affiliato di Al Qaida era in procinto di far detonare.

Già a novembre, il ventitreenne nigeriano Omar Faruk Abdulmutallab era stato segnalato alle autorità statunitensi dal padre, in seguito al suo comportamento sospetto. Il suo livello di rischio, ha spiegato il Segretario di Stato americano per la sicurezza interna Janet Napolitano, non era però tale da giustificarne l’inserimento nella “no-fly list”.

Secondo quanto da lui stesso dichiarato, Abdulmutallab avrebbe ottenuto esplosivo e istruzioni nello Yemen. Mentre gli investigatori considerano ormai accertato il suo legame con Al Qaida, parte il processo alle misure di sicurezza.

I principali scali europei e statunitensi hanno già messo in atto una stretta su perquisizioni personali e ispezione dei bagagli a mano. La British Airways ha imposto anche di scartare i regali di Natale.

Il PETN, il potente esplosivo usato dal giovane nigeriano, non viene infatti rilevato dai metal detector. Unica soluzione possibile, secondo alcuni esperti, il ricorso ai cani anti-esplosivo e a più minuziosi controlli a mano.