ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Petrolio: Mosca alla conquista dei mercati asiatici

Lettura in corso:

Petrolio: Mosca alla conquista dei mercati asiatici

Dimensioni di testo Aa Aa

Il petrolio russo pronto a puntare alla Cina e alla conquista dei mercati asiatici. A celebrare le nuove strategie commerciali di Mosca è lo stesso Vladimir Putin. Oggi sul Pacifico, non lontano da Vladivostock, il premier russo ha inaugurato il nuovo terminal di Kozmino.

Snodo chiave per le nuove rotte del greggio di Mosca, Kozmino attingerà direttamente ai pozzi siberiani. Già pronto un primo tratto dell’oleodotto fino a Skovorodino, vicino al confine cinese, un secondo è ancora in costruzione.

Entro quattro anni, quando sarà a pieno regime in tutti i suoi quasi 5000 chilometri, dovrebbe convogliare circa 600.000 barili di petrolio al giorno verso la Cina e l’intero mercato asiatico.

Una strategia di diversificazione a lungo studiata da Mosca per eludere i crescenti attriti politico-commerciali con Europa e Occidente e lanciare un messaggio all’agguerrita concorrenza internazionale. In particolare un altolà a Baghdad, dopo le recenti concessioni che garantiranno il pieno sfruttamento per vent’anni dei suoi dieci più importanti giacimenti petroliferi.