ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Un anno fa l'attacco su Gaza

Lettura in corso:

Un anno fa l'attacco su Gaza

Dimensioni di testo Aa Aa

Un minuto di silenzio e poi le sirene spiegate di tutte le ambulanze di Gaza per ricordare l’attacco israeliano di un anno fa.

Alle 11h25 locali, l’ora esatta dell’inizio dell’operazione “piombo fuso”, sono cominciate le cerimonie per le circa 1.400 vittime palestinesi registrate in tre settimane di guerra.

Hanno sfilato per strada anche i bambini che sono stati tra le principali vittime del conflitto, 347 quelli rimasti uccisi nell’attacco.

“Siamo qui oggi a causa della guerra – dice il piccolo Mohammed Farane -. Siamo sotto assedio e ogni giorno ci sono morti e feriti. Ma stiamo restistendo e continueremo a farlo”.

Le commemorazioni dureranno 22 giorni quanto il conflitto che si conluse il 18 gennaio 2009 per il cessato il fuoco unilaterale dalle due parti.

Un anno dopo regna comnuque una calma apparente. È vero che i razzi lanciati da Hamas su Israele sono drasticamente diminuiti. Ma il movimento radicale palestinese resta al potere in tutta la Striscia e si sospetta che abbia avuto tutto il tempo di riarmarsi. La popolazione invece è sempre più isolata e anche al sud, al confine con l’Egitto, si sta erigendo un muro per impedire il passaggio di uomini e armi.