ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Terrorismo e sicurezza: rivedere la procedura

Lettura in corso:

Terrorismo e sicurezza: rivedere la procedura

Dimensioni di testo Aa Aa

Appare probabile l’implicazione dell’organizzazione terrorista Al Quaeda nel fallito attentato di venerdì su un volo della Delta Airlines decollato da Amsterdam e diretto a Detroit. Estremanente dettagliate le informazioni del terrorista che ha cercato di farsi esplodere. È un giovane nigeriano di 23 anni Omar Faruk Abdulmutallah, figlio di un facoltoso banchiere nigeriano, era già stato denunciato dal padre ed inserito dall’antiterrorismo usa in una lista nera. È ancora ricoverato con ustioni di secondo grado.

Errori ne sono stati commessi da più parti come ammette il portavoce della Casa Bianca Robert Gibbs:

“Il presidente ha chiesto al dipartimento di sicurezza di rispondere a una domanda: come sia stato possibile che qualcuno sia salito su di un aereo ad Amsterdam con del semtex addosso”.

Da oggi si potrebbe essere entrati in una nuova era dell’aviazione civile. Allo studio ci sono misure come lo stop ai bagagli a mano, e il divieto di alzarsi nella prima e ultima ora di volo. Per qualcuno non si potrà mai essere sicuri al 100%:

“L’ordigno questo tizio lo aveva nei pantaloni. Come fai ad essere sicuro? – commenta un viaggiatore -I passeggeri debbono farsi una doccia prima di salire a bordo?”

“Paura? nemmeno un po’. Sto partendo per Detroit e da lì vado a Chicago e non ci saranno problemi”.

L’autorità aeroportuale britannica che gestisce anche l’aeroporto londinese di Heathrow che è il primo in Europa per numero di passeggeri, ha fatto sapere che potrebbero verificarsi ritardi e rallentamenti nelle procedure di controllo.