ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"Tentato atto di terrorismo" sul volo Amsterdam-New York

Lettura in corso:

"Tentato atto di terrorismo" sul volo Amsterdam-New York

Dimensioni di testo Aa Aa

La Casa Bianca lo ha definito un “tentato atto di terrorismo”, negli aeroporti si intensificano i controlli. Dice di avere legami con al Qaida il giovane nigeriano che nel giorno di Natale a bordo del volo Delta-Nortwest da Amsterdam a Detroit ha fatto esplodere una carica, nascosta addosso, a dieci minuti dall’arrivo. L’uomo è stato immediatamente bloccato da alcuni passeggeri e l’Airbus A330 con quasi trecento persone a bordo è atterrato senza problemi. 23 anni, avrebbe agito da solo. L’esplosivo se lo sarebbe procurato in Yemen.

Alcuni dei passeggeri risultano feriti. Qualcuno ha raccontato i quindici minuti di panico. “E’ stato pauroso – dice un uomo -, c‘è stato un forte botto e poi del fuoco nell’aereo, dopo pochi secondi. C‘è stato molto panico per tutti”. “Ci siamo voltati, c’era una lotta – racconta un altro -, credo cinque file sulla prima, sulla sinistra rispetto a noi abbiamo visto fumo che usciva e c’era un altro uomo che si è buttato su quello che credo fosse il reponsabile”. “Si è ustionato in modo grave – spiega una donna. Tutta la gamba era ustionata. Ci è voluto l’estintore per spegnere le fiamme. Si respirava fumo quando siamo atterrati”. “E’ stato agghiacciante – aggiunge un’altra. Ho pensato, credo che tutti abbiano pensato, che non saremmo mai atterrati, che non ce l’avremo fatta”.

Nello scalo olandese, l’uomo avrebbe superato i controlli senza suscitare sospetti, con l’ordigno forse scomposto in due parti e formato da liquido e polvere sfuggiti ai metal detector. I controlli di sicurezza sono stati intensificati negli scali europei sui voli con destinazione USA. Nel Regno Unito, Scotland Yard ha diramato un comunicato a tutti gli scali britannici.