ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Fiat: Marchionne promette otto miliardi di investimenti in due anni

Lettura in corso:

Fiat: Marchionne promette otto miliardi di investimenti in due anni

Dimensioni di testo Aa Aa

Ambizioso piano di Fiat per il rilancio della produzione in Italia. In controtendenza con lo stallo del mercato globale dell’auto, il Lingotto guarda alla partnership con Chrysler e preme l’acceleratore sugli investimenti.

Otto miliardi di euro in tecnologia e ricerca per avvicinarsi entro il 2011 a quota un milione di pezzi. Un incremento del cinquanta per cento rispetto alla produzione attuale.

Oltre ai numeri, alla riunione a Palazzo Chigi con governo e parti sociali, l’amministratore delegato Sergio Marchionne ha però illustrato anche il prezzo da pagare: “Termini Imerese non potrà andare avanti oltre il 2011 – ha detto -. Abbiamo confermato al governo la nostra disponibilità a trovare una soluzione alternativa, ma ormai è chiaro. Dal 2011 a Termini Imerese non si produrranno più auto”.

Momenti di tensione alla Stazione Termini di Roma. La prospettiva di una “riconversione” dello stabilimento siciliano non convince i lavoratori: “Come si fa a parlare di riconversione – protesta un manifestante – a una zona industriale, che produce auto da oltre quarant’anni? E poi che facciamo? Neanche più il turismo c‘è in quella zona”.

Solidale la Cgil, con il segretario Epifani che indica nel futuro di Termini Imerese il nodo del problema. Perplessa anche la Uil, mentre la Cisl confida negli sviluppi dei prossimi mesi. Il Ministro dello Sviluppo Economico Claudio Scajola chiede uno sforzo congiunto di azienda e governo. Presto anche un tavolo con i sindacati.