ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Expo 2010, la Cina in vetrina

Lettura in corso:

Expo 2010, la Cina in vetrina

Dimensioni di testo Aa Aa

Shanghai è un cantiere aperto. Fervono i preparativi in vista dell’apertura dell’Expo 2010 il primo maggio prossimo. L’area dedicata all’esposizione si trova sulle due sponde del fiume Huangpu e si estende per circa 5 km2.

Sono attesi oltre 70 milioni di visitatori da tutto il mondo per i sei mesi dell’evento dal titolo “better city, better life” ovvero “Città migliore, vita migliore”. Si vuole discutere di pianificazione urbana nel 21esimo secolo, di sviluppo sostenibile nelle nuove aree cittadine, ma anche di come riqualificare l’esistente. Temi su cui anche l’Unione europea intende dire la propria, partecipando con una delegazione ufficiale.

“E’ un’occasione per far conoscere le nostre politiche ambientali – dice Serge Abou, ambasciatore dell’Unione europea in Cina- e per dare un’ immagine diversa da quella che si conosce in occasione dei summit, degli incontri ufficiali. Vogliamo mostrare l’ Europa della cultura, della cucina, dello sport. Tutti aspetti che i cinesi amano molto, e li vogliamo mettere in risalto in occasione di questa esposizione”.

Anche la Cina punta a mostrarsi al proprio meglio a tutti i livelli. Per le strade della capitale già si invita a cambiare alcuni comportamenti in occasione dell’ Expo, come sputare per terra, abitudine diffusissima tra i cittadini: gli ospiti potrebbero non gradire.