ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Traguardo più vicino per la riforma sanitaria Usa

Lettura in corso:

Traguardo più vicino per la riforma sanitaria Usa

Dimensioni di testo Aa Aa

La riforma sanitaria statunitense sta per diventare realtà. Ad assicurarlo da una gelida Washington è il presidente Barack Obama, dopo l’accordo raggiunto in Senato. I leader democratici sono infatti riusciti a trovare il sessantesimo voto necessario per garantire il passaggio della storica riforma, che dovrebbe estendere ad altri 30 milioni di cittadini statunitensi la copertura sanitaria.

Per Obama l’approvazione, prevista già per i prossimi giorni, potrebbe essere un vero e proprio regalo di compleanno, visto che si tratta della priorità di politica interna. “Sulla sanità – ha detto il Presidente Usa -, grazie agli ultimi sviluppi, sembra che gli americani avranno il voto che meritano su una riforma autentica, che offre sicurezza ha chi ha già un’assicurazione e opzioni valide a chi non ce l’ha. Voglio ringraziare il Senatore Harry Reid e ogni senatore che ha lavorato ininterrottamente per arrivare a questo traguardo”.

Il leader democratico in Senato Harry Reid ha presentato quasi 400 pagine di emendamenti, elaborati con lo scopo di accontentare gli scettici. L’ultimo da convincere era il Senatore del Nebraska Ben Nelson, strenuo oppositore dell’aborto, che ha ottenuto il divieto di fornire agli assicurati interruzioni di gravidanza pagate con soldi pubblici.

Da domani inizierà una serie di votazioni che potrebbero concludersi con l’approvazione già la vigilia di Natale. La legge dovrà poi essere armonizzata con il testo già passata alla Camera ed essere poi approvato di nuovo dai due rami del Congresso prima di finire, per entrare in vigore, sulla scrivania di Obama, che ha fatto della riforma sanitaria la sua priorità domestica.