ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Chiuso il vertice, per molti un fallimento

Lettura in corso:

Chiuso il vertice, per molti un fallimento

Dimensioni di testo Aa Aa

Se da Copenhagen doveva arrivare un sostituto del protocollo di Kyoto, il fallimento appare inconfutabile. Il quindicesimo vertice Onu sul clima si è concluso con un accordo non-accordo, da più parti contestato. Un testo non vincolante, che, di fatto, non si spinge più in là di un’intesa finanziaria: 30 miliardi di dollari per i Paesi poveri entro il 2012 per adottare tecnologie pulite – e l’obiettivo di mantenere entro i 2 gradi l’aumento della temperatura del Pianeta.

Su questo e poco più ci si è accordati al Bella Center, dopo una decina di bozze e interminabili negoziati. Tra i primi a esprimere disappunto, il presidente della Commissione europea José Manuel Durao Barroso, che ha parlato di delusione. Il vertice di Copenhagen doveva concludersi ieri pomeriggio. Ma si è dovuto discutere fino a notte inoltrata per salvarne le sorti e per arrivare a un testo che piace a Pechino, ma che scatena le ire di Stati e organizzazioni. E che non contiene riferimenti a numeri per la riduzione dei gas serra.

Ad annunciare il compromesso è stato Barack Obama dopo colloqui con i leader di Cina, India, Brasile e Sudafrica. Lo stesso Obama ha parlato di “storico accordo, ma non sufficiente”. Molti Paesi latinoamericani parlano di procedure arbitrarie e non trasparenti. Da chiarire, ora, c‘è anche il meccanismo di adozione in seno all’Onu.