ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Auschwitz, rubata l'insegna "il lavoro rende liberi"

Lettura in corso:

Auschwitz, rubata l'insegna "il lavoro rende liberi"

Dimensioni di testo Aa Aa

Il simbolo del cinismo e della follia nazista è stato rubato. L’iscrizione “il lavoro rende liberi”, posta all’ingresso del campo di sterminio di Auschwitz è stata portata via. Il cartello è stato sostituito con una copia, realizzata tempo fa per consentire la riparazione dell’originale. La polizia ha aperto un’inchiesta.

“E’ un’abominevole profanazione”, ha affermato Jaroslaw Mensfelt, portavoce dell’ex lager trasformato in museo.

“Vogliono negare l’Olocausto, la Shoa, e credo che questo simbolo è molto importante anche quando noi, che siamo stati prigionieri, non ci saremo più, lo sarà”, ha detto Noah Flug, presidente dell’organizzazione internazionale dei sopravvissuti all’Olocausto.

L’iscrizione, nel più grande dei campi di sterminio nazisti in cui furono uccise oltre un milione di persone in maggioranza ebrei, fu fabbricata nel 1940 da un prigioniero polacco su ordine dei responsabili del lager.