ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

1989-2009, Timisoara celebra la rivolta anti-comunista

Lettura in corso:

1989-2009, Timisoara celebra la rivolta anti-comunista

Dimensioni di testo Aa Aa

Timisoara e la Romania celebrano i 20 anni dalla rivolta che avrebbe portato alla fine del regime comunista di Ceausescu.

Una serie di commemorazioni che per 7 giorni impegneranno la città simbolo di quella che fu la rivoluzione più violenta contro il comunismo.

Alcuni bus appositamente coperti di immagini della rivolta di Timosara sono stati fermati dai manifestanti per ricordare quanto avvenne nei giorni della rivoluzione.

Rivoluzione che ebbe inizio a partire dalle manifestazioni a sostegno del pastore della minoranza ungherese Laszlo Tokes che doveva essere espulso per i suoi sermoni contro il regime di Nicolae Ceausescu. Il quale sarebbe stato deposto, condannato e giustiziato una settimana più tardi. L’appoggio a Tokes fu la scintilla della rivoluzione.

Il 17 dicembre, due giorni dopo le prime proteste di fronte alla chiesa di Tokes, l’esercito ebbe l’ordine di aprire il fuoco sulla folla. I morti furono decine ma molti ufficiali e sottufficiali rifiutaro di eseguire i comandi.

Pochi giorni dopo, quando la rivolta si estese a Bucarest, l’esercito e la Securitate uccisero e arrestarono decine di persone. Ultimo colpo di coda del regime in agonia.