ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Vertice di Copenaghen, si moltiplicano gli appelli per un compromesso

Lettura in corso:

Vertice di Copenaghen, si moltiplicano gli appelli per un compromesso

Vertice di Copenaghen, si moltiplicano gli appelli per un compromesso
Dimensioni di testo Aa Aa

La Conferenza Onu sul clima si avvia al round finale con i timori di fallimento e gli appelli per un compromesso. Ieri si è aperta la sessione ad alto livello che dovrà decidere sul futuro del Pianeta. In questa fase cruciale, il presidente danese del vertice di Copenaghen Connie Hedegaard ha avvisato i ministri dell’ambiente sulla necessità di sbloccare i negoziati e di mediare: “In queste ore – ha detto – il successo è ancora a portata di mano. Ma, per il ruolo che ricopro, devo anche mettervi in guardia sul rischio di fallimento”.

Trovare una soluzione globale, per scrivere un futuro diverso, è anche l’appello del segretario generale dell’Onu Ban Ki-Moon: “Il tempo del consenso è arrivato. Nessuno otterrà tutto quello che vuole fuori da questi negoziati, ma se lavoriamo insieme, e troviamo un accordo, ognuno avrà ciò di cui ha bisogno”.

Ma mentre a Copenaghen si moltiplicano gli appelli per un compromesso, i due principali inquinatori del pianeta – Stati Uniti e Cina – hanno ribadito di non voler rimettere in discussione le loro posizioni sulla riduzione delle emissioni. Obiettivi per gli europei insufficienti a garantire un contenimento delle temperature entro i due gradi. Il presidente americano Obama, malgrado ciò, si è detto fiducioso sulla possibilità di giungere a un “accordo operativo”.