ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Berlusconi sarà dimesso mercoledì. Napolitano: abbassare i toni

Lettura in corso:

Berlusconi sarà dimesso mercoledì. Napolitano: abbassare i toni

Dimensioni di testo Aa Aa

Il souvenir più amaro. L’aggressione a Silvio Berlusconi fatta con una miniatura in metallo del Duomo di Milano scatena lo scontro anziché portare la riflessione nella classe politica e alimenta le divisioni anche sul web. Maggioranza e opposizione declamano la necessità di svelenire i toni ma non sfuggono alle strumentalizzazioni e accuse reciproche. In questo contesto l’appello del Presidente Giorgio Napolitano:

“La verità è che se si ha un senso della comune responsabilità si deve tornare a un normale e civile confronto fra le diverse parti politiche e le diverse istituzioni. Quindi non si alimentino tensioni nè da una parte cercando scorciatoie ne dall’altra parte vedendo complotti anzichè riconoscere dissensi”.

Il Presidente del Consiglio resterà al San Raffaele fino a mercoledì. Secondo i medici se fosse stato colpito pochi centimetri più in alto, a un occhio o al capo, avrebbe rischiato la vita. Ieri in serata l’autore dell’aggressione, Massimo Tartaglia, ha scritto una lettera di scuse: un atto superficiale, vigliacco, inconsulto nel quale non mi riconosco dice. L’uomo, 42 anni, in cura psichiatrica da quando ne aveva 18, ha agito da solo secondo la Digos. Si apre poi la polemica sulla sicurezza: dopo l’attacco l’auto del Premier è rimasta in loco anzichè partire come da protocollo.