ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Solidarietà bipartisan al premier Berlusconi

Lettura in corso:

Solidarietà bipartisan al premier Berlusconi

Solidarietà bipartisan al premier Berlusconi
Dimensioni di testo Aa Aa

Unanime la condanna delle diverse forze politiche dell’aggressione al premier Berlusconi. Tutte deplorano l’accaduto, ma la maggioranza e l’opposizione restano divise sulle cause del clima di tensione in cui sarebbe maturato il gesto.

“Il nostro leader – ha detto il capogruppo del Pdl alla Camera Fabrizio Cicchitto – è stato oggetto di un atto di violenza fisica che ha come retroterra questa violenza verbale e scritta e televisiva che è stata esercitata nei suoi confronti nel corso di questi mesi”.

“Questo uso un po’ disinvolto di una sinistra mandante morale di quello che è accaduto è una cosa intollerabile” controbatte il senatore Nicola Latorre, del Pd.

Già poche ore dopo l’aggressione, sulla Rete sono comparsi diversi gruppi a sostegno del 42enne responsabile del gesto, oltre a un videogioco “a tema”. Ma molti sono anche i cittadini che condannano fermamente l’atto: “È una violenza becera e brutta, che comunque è fine a sé stessa, non risolve niente” commenta infatti un ragazzo. “È stato eletto in modo democratico, non vedo perché si debba arrivare a questo. È un’aggressione non dico terroristica, ma quasi” spiega un altro cittadino.

“Speriamo che il nostro Presidente del Consiglio non diventi un martire e santo” commenta ironicamente un terzo.

Il premier, come ha riferito il suo medico personale, non sarà operato, ma sarà trattenuto in ospedale sotto osservazione per uno o due giorni. Dal punto di vista clinico la situazione è giudicata “tranquilla”.