ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Solidarietà bipartisan al premier Berlusconi

Lettura in corso:

Solidarietà bipartisan al premier Berlusconi

Dimensioni di testo Aa Aa

Unanime la condanna delle diverse forze politiche dell’aggressione al premier Berlusconi. Tutte deplorano l’accaduto, ma la maggioranza e l’opposizione restano divise sulle cause del clima di tensione in cui sarebbe maturato il gesto.

“Il nostro leader – ha detto il capogruppo del Pdl alla Camera Fabrizio Cicchitto – è stato oggetto di un atto di violenza fisica che ha come retroterra questa violenza verbale e scritta e televisiva che è stata esercitata nei suoi confronti nel corso di questi mesi”.

“Questo uso un po’ disinvolto di una sinistra mandante morale di quello che è accaduto è una cosa intollerabile” controbatte il senatore Nicola Latorre, del Pd.

Già poche ore dopo l’aggressione, sulla Rete sono comparsi diversi gruppi a sostegno del 42enne responsabile del gesto, oltre a un videogioco “a tema”. Ma molti sono anche i cittadini che condannano fermamente l’atto: “È una violenza becera e brutta, che comunque è fine a sé stessa, non risolve niente” commenta infatti un ragazzo. “È stato eletto in modo democratico, non vedo perché si debba arrivare a questo. È un’aggressione non dico terroristica, ma quasi” spiega un altro cittadino.

“Speriamo che il nostro Presidente del Consiglio non diventi un martire e santo” commenta ironicamente un terzo.

Il premier, come ha riferito il suo medico personale, non sarà operato, ma sarà trattenuto in ospedale sotto osservazione per uno o due giorni. Dal punto di vista clinico la situazione è giudicata “tranquilla”.