ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Nuove rivelazioni sull'attacco di Kunduz

Lettura in corso:

Nuove rivelazioni sull'attacco di Kunduz

Dimensioni di testo Aa Aa

A Kunduz l’esercito tedesco voleva uccidere leader taleban. La bufera sull’attacco condotto lo scorso 4 settembre nel Nord dell’Afghanistan non accenna a placarsi in Germania. Secondo ultime indiscrezioni di stampa, il raid, ufficialmente condotto per mettere in sicurezza due autocisterne piene di carburante sequestrate dai taleban, avrebbe, invece, avuto lo scopo di uccidere leader ribelli. Il che esula dal mandato tedesco.

Al centro dello scandalo il colonnello Georg Klein: da lui era partito l’ordine del raid, nel quale sono rimaste uccise più di 140 persone, tra cui decine di civili. Ieri si è recato a Kunduz Karl-Theodor zu Güttenberg, astro nascente della scena politica tedesca. L’attuale Ministro della Difesa non ha voluto rilasciare dichiarazioni sulla vicenda, costata il posto al suo predecessore, Franz Joseph Jung. Berlino ha dato il vialibera al prolungamento della missione in Afghanistan per un altro anno, mentre la vicenda è sempre più fonte di imbarazzo per il governo di Angela Merkel, a cui i famigliari delle vittime chiedono un risarcimento.