ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Clima, 80 mila manifestanti a Copenhagen

Lettura in corso:

Clima, 80 mila manifestanti a Copenhagen

Dimensioni di testo Aa Aa

A Copenhagen la parola passa alla piazza: dopo le manifestazioni dei giorni scorsi,con qualche intemperanza, oggi il corteo piú imponente, con 50/80 mila persone a sfilare per un accordo sul clima giusto e lungimirante.

In palio, il futuro del pianeta e un presente sempre più precario per le nazioni più deboli e quelle insulari. “Coloro che possono contribuire, debbono farlo”, dice Antonio Pedro Monteiro Lima della delegazione di Capo verde, “Noi siamo paesi sotto-sviluppati,vulnerabili, in grado di fare poco, ma quelli che possono agire, debbono farlo ora”. Un piccolo passo lo ha fatto l’Unione europea, con 7,2 miliardi di euro in tre anni. Ma non basta: Connie Hedergaard, presidente della conferenza sul clima, lascia intendere che anche i privati debbono fare la loro parte: “Abbiamo bisogno trovare un’intesa sulle fonti rinnovabili che non sia finanziata solo con fondi pubblici. In questo momento dobbiamo essere piú innovativi e creativi”. Per alcuni è questione di sopravvivenza: un centinaio di paesi e isole che chiedono di limitare a un grado e mezzo il rialzo delle temperature. Per non scomparire, dimenticati cosí come è avvenuto sul mappamondo gigante a Copenhagen.