ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Copenaghen: scontri e arresti nel giorno dei primi traguardi

Lettura in corso:

Copenaghen: scontri e arresti nel giorno dei primi traguardi

Dimensioni di testo Aa Aa

Scontri e arresti hanno segnato a Copenaghen la giornata in cui dal vertice sono emerse le prime proposte concrete per arginare il cambiamento climatico.

Fulcro della bozza l’imperativo di contenere il l’aumento della temperatura media del pianeta entro un massimo di due gradi. Obiettivo, che insieme al plauso di Greenpeace, incassa l’allarme dei piccoli stati insulari: non saremo in grado, hanno fatto sapere, di accettare alcun incremento superiore al grado e mezzo.

Circa 250 i giovani che intanto sfilavano per le vie della capitale danese scandendo lo slogan “Don’t buy the lie”, non acquistare la menzogna. Una manifestazione non autorizzata, a cui la polizia ha risposto facendo ricorso alla forza.

Trentacinque gli attivisti arrestati “in via preventiva”, perché sospettati di poter commettere atti illegali. Altri cinque sarebbero stati fermati per motivazioni diverse.

Nel mirino della protesta quindici big della globalizzazione, indicati come i principali responsabili del surriscaldamento climatico.