ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Usa: Agenzia ambientale condanna CO2 e offre assist ad Obama


USA

Usa: Agenzia ambientale condanna CO2 e offre assist ad Obama

Barack Obama si presenterà al vertice di Copenhagen con un asso nella manica. A fornirglielo l’Agenzia statunitense per la Protezione Ambientale, che ha decretato ufficialmente che le emissioni di gas a effetto serra sono nocive per la salute pubblica. Una mossa strategica che potrebbe consentire alla Casa Bianca di mantenere la promessa di ridurre le emissioni di anidride carbonica del 17% entro il 2020, prendendo come punto di partenza il 2005, senza dover attendere il via libera del Congresso.

“L’azione di oggi è un passo verso qualcosa di durevole, verso soluzioni pragmatiche per l’enorme sfida del cambiamento climatico”, ha detto Lisa Jackson, amministratore dell’Agenzia. “E’ un passo verso l’innovazione, gli investimenti e l’aumento delle tecnologie che riducano le emissioni nocive.” Con questa ammissione dell’Agenzia per la Protezione ambientale Obama potrà stabilire nuovi interventi senza attendere che la legislazione sia approvata in Senato, dove siedono molti eletti nelle regioni produttrici di carbone, all’origine del 50% dell’energia degli Stati Uniti. “Tutto ciò potrebbe avere un effetto devastante sull’impiego”, ha dichiarato il senatore repubblicano James Inhofe, “Potrebbe costare miliardi in tasse e milioni di posti di lavoro.” Da una parte le industrie del carbone accusano Obama di danneggiare l’economia Usa, dall’altra comincia a far sentire prepontemente la sua voce la lobby della green economy che, fiutato l’affare, guarda con interesse a Copenhagen.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Serie di esplosioni a Baghdad, decine i morti