ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il pianeta che parla

Lettura in corso:

Il pianeta che parla

Dimensioni di testo Aa Aa

Talk Planet è a Copenhagen. Per le prossime due settimane seguiamo il vertice ONU sul clima. Abbiamo rivolto le vostre domande agli esperti.

Chris Bodkin, ha 20 anni, viene dall’ Ithaca College, New York. – Chris, vieni da New York e come mai sei qui a Copenhagen? Chris Bodkin “ Siamo dell’ Ithaca College, siamo qui per promuovere il nostro sondaggio, ogni giorno della conferenza facciamo una nuova domanda e speriamo di avere esperti e professionisti che rispondano. La nostra prima domanda è se Copenhagen produrrà un trattato internazionale significativo” – Ci saranno gli elementi per un vero accordo? Risponde il climatologo Jean-Pascal van Ypersele, Climatologist e Vice-Chair IPCC “Il clima cambia in modo visibile, credi che tutti ne siano coscienti e quindi tutti sono qui per un accordo. Manca la volontà politica che pure sembra profilarsi, sono molto ottimista. Credo che l’accordo ci sarà. Bisogna prevedere delle riduzioni oltre il 2012 ma bisogna anche allargare il club dei paesi che agiscono perchè le economie emergenti erogano anche loro quantità importanti di gas a effetto serra. Bisogna progressivamente associarle agli sforzi per proteggere il clima mondiale, è molto importante. “Bisogna inoltre aiutare in paesi in via di sviluppo ad adattarsi alla parte di cambiamenti climatici che non si potranno piu’ evitare. Per tutto questo ci sono nuovi accordi da stringere ed è per questo che la riunione di Copenhaguen è importante” Grazie Professor Jean-Pascal van Ypersele. Ulteriore informazione la troverete sul sito web Talk Planet.