ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Strasburgo bacchetta la Germania: cambiare la legge sugli affidamenti

Lettura in corso:

Strasburgo bacchetta la Germania: cambiare la legge sugli affidamenti

Dimensioni di testo Aa Aa

Giornata di festa per i padri single tedeschi. In futuro potrebbero incontrare meno difficoltà nell’esercitare il proprio ruolo nei confronti dei figli.

A riaccendere la speranza una decisione della Corte Europea dei diritti dell’uomo, che ha dato tre mesi di tempo alla Germania per rivedere la propria legislazione in materia di affidamenti.

Il caso è stato sollevato da un quarantacinquenne di Colonia, che lotta dal 2003 per condividere la custodia della figlia quattordicenne.

“Si tratta di una palese violazione dei diritti dell’uomo – commenta il diretto interessato, Horst Zaunegger -. Io vengo discriminato e degradato a genitore di serie B, soltanto in quanto non sono sposato. Sono un padre responsabile, e questo l’ho già dimostrato. Eppure non ho modo di ottenere un affidamento congiunto”.

Nel caso di coppie non sposate, l’attuale legislazione tedesca considera infatti come vincolante il consenso materno. Un veto che secondo l’Alta Corte dovrebbe evitare infinite battaglie legali, ma che rischia di paralizzare il paese. Oltre un terzo dei bambini, nel 2008, sono nati fuori dal matrimonio.

Dati che hanno spinto lo stesso neoministro tedesco della giustizia Sabine Leutheusser-Schnarrenberger a impegnarsi per riformare la legge.