ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Più soldati dalla Nato, ma meno di quanti ne vuole Washington

Lettura in corso:

Più soldati dalla Nato, ma meno di quanti ne vuole Washington

Dimensioni di testo Aa Aa

La Nato assicura l’invio di soldati supplementari, ma il numero totale potrebbe essere inferiore a quanto Washington vorrebbe. I ministri degli Esteri dell’Alleanza Atlantica sono riuniti oggi e domani a Bruxelles per discutere della nuova strategia presentata dal presidente Obama. Strategia che prevede l’invio di 30.000 uomini supplementari, di cui oggi è stato firmato l’ordine di partenza.

“Posso confermare che al momento ci sono oltre 20 Paesi che ci hanno comunicato l’intenzione di aumentare il numero di unità in Afghanistan – ha detto James Appathurai, portavoce Nato -.Un numero che si aggiunge alle 38.000 già presenti”. Il Pentagono vorrebbe almeno diecimila unità. Ma tra quanti hanno offerto un contributo, Paesi Nato e no, si rischia di non arrivare oltre le cinquemila unità. L’Italia dovrebbe inviare fino a un migliaio di uomini. Canada e Paesi Bassi puntano invece a ridurre i loro effettivi di 2800 e 2100 unità. Di Afghanistan si è discusso anche al Congresso Usa. Nel suo intervento, il capo del Pentagono Robert Gates ha parlato della possibilità di inviare 3000 uomini in più, oltre ai 30.000 decisi da Obama. Saranno dispiegati soprattutto nel Sud e nell’Est dell’Afghanistan, dove si concentra l’offfensiva dei taleban.