ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Da oggi davanti alla Corte dell'Aja il ricorso serbo sul Kosovo

Lettura in corso:

Da oggi davanti alla Corte dell'Aja il ricorso serbo sul Kosovo

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ cominciato oggi, davanzi alla Corte internazionale di Giustizia dell’Aja, l’esame del ricorso presentato dal governo serbo contro l’autoproclamazione di indipendenza del Kosovo.

Anche se la pronuncia della Corte avrà solo valore consultivo, Belgrado punta a vedersi riconosciute le proprie ragioni, illustrate dall’ambasciatore serbo a Parigi. “La dichiarazione di indipendenza non è altro che il tentativo di sovvertire un sistema giuridico internazionale, quello fissato per il Kosovo dalla risoluzione del Consiglio di sicurezza 1244 del 1999”. La secessione della provincia kosovara dalla Serbia non è ancora stata riconosciuta, tra gli altri, da Cina, Russia, Brasile, India e Spagna. Hanno stabilito relazioni diplomatiche con Pristina la maggior parte dei paesi europei e gli Stati Uniti, veri garanti della nascita del nuovo stato. La solenne proclamazione di indipendenza è stata pronunciata nel febbraio del 2008, al termine di un aspro conflitto tra albanofoni e i serbi. Attualmente il Kosovo conta 2 milioni di abitanti, il 90 per cento dei quali albanesi. Nonostante tutto, Belgrado continua a considerare il Kosovo parte integrante della Serbia.