ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Al via a L'Aja udienze su indipendenza Kosovo

Lettura in corso:

Al via a L'Aja udienze su indipendenza Kosovo

Dimensioni di testo Aa Aa

La Corte Internazionale di Giustizia de L’Aja esamina a partire da oggi il caso del Kosovo. Interpellata dalla Serbia che ha fatto ricorso contro l’indipendenza autoproclamata dalla sua provincia a maggioranza albanofona, la Corte dovrebbe emettere un giudizio nell’arco di alcuni mesi.

Un giudizio che non avrà carattere vincolante. Ma sarà fondamentale per il riconoscimento a livello internazionale del giovane Stato con capitale Pristina. Il 17 febbraio 2008 il Premier kosovaro Hashim Taçi dichiarava l’indipendenza dalla Serbia. Un atto successivamente riconosciuto da 22 dei 27 Stati membri dell’Unione Europea oltre che dagli Stati Uniti. La strenua opposizione di Belgrado, l’aperta contrarietà della Russia, il numero ancora ridotto di Paesi che riconoscono Pristina impediscono l’accesso del Kosovo alla Nato. Ma un giudizio positivo della Corte potrebbe innescare un meccaniscmo in questa direzione. Se la popolazione albanofona della provincia serba ha vissuto l’indipendenza come una vittoria e una liberazione, “il Kosovo resta Serbia” per i circa 120.000 serbi che vivono nelle enclave come Kosovska Mitroviça. Il delicato equilibrio nella regione è tutt’ora garantito da 12.600 militari della Nato.