ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Svizzera, dal referendum No a nuovi minareti

Lettura in corso:

Svizzera, dal referendum No a nuovi minareti

Dimensioni di testo Aa Aa

Da oggi in poi in Svizzera non si potranno costruire minareti accanto alle moschee. Lo hanno deciso gli elettori elvetici, col referendum che ieri si è espresso a maggioranza per il divieto.

Festeggiano il risultato i populisti svizzeri, a cui si deve l’iniziativa referendaria. Ma giornali e commentatori trattano il risultato come un voto dettato dalla paura e dall’ignoranza, e mettono in guardia dalle conseguenze attese, soprattutto sul piano della radicalizzazione dello scontro identitario. “Sono sorpeso, non pensavo sarebbe passata”, dice uno studente. “Sono disgustato dal risultato, va contro i valori fondamentali di libertà. Mi vergogno di essere svizzero”, aggiunge un giovane. “Sono un po’ dispiaciuta, credo che chiunque abbia il diritto di praticare la propria religione. La Svizzera poi dovrebbe meritarsi la reputazione di paese neutrale”, spiega una ragazza. Galvanizzati dall’esito del referendum svizzero, i vicini italiani della Lega Nord annunciano una proposta di legge per includere nel tricolore il simbolo della croce cristiana.