ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Svizzera: vince a sorpresa il no ai minareti

Lettura in corso:

Svizzera: vince a sorpresa il no ai minareti

Dimensioni di testo Aa Aa

La Svizzera ha detto no alla costruzione di di nuovi minareti. La controversa iniziativa referendaria promossa della destra-nazionalconservatrice ha ottenuto a sorpresa il consenso di oltre il 57% dei votanti. A favore si sono pronunciati 22 cantoni su 26. Ginevra e Basilea tra i contrari. Opposte anche le reazioni politiche.

I promotori dell’Unione di Centro minimizzano e sostengono di non voler interferire su sfera privata e libertà di culto. “Il minareto non è che un elemento accessorio – dice il parlamentare Oskar Freyinger -. Il simbolo esteriore di concezioni che sono però opposte alle nostre”. Dal Partito Liberale Radicale rispondono con un invito a calma e moderazione: “Spero che si riesca a mantenere la serenità – dice il consigliere nazionale Olivier Français -. Certo ci sarà spazio per emozioni contrastanti. Non dimentichiamoci però che la nostra Costituzione riconosce agli uni e agli altri sia la libertà di culto e che il diritto di vederla rispettata”. Circa quattrocentomila su sette milioni e mezzo, i musulmani rappresentano il 5% della popolazione dell’intera Confederazione. “E’ un risultato che accetteremo col tempo – commenta una fedele in una moschea -. Ma lo digeriremo come abbiamo fatto con tutto il resto e continueremo ad andare avanti”.