ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Deragliamento in Russia: trovati i resti di una bomba

Lettura in corso:

Deragliamento in Russia: trovati i resti di una bomba

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ stata una bomba a provocare il deragliamento del treno, che a nord di Mosca ha fatto una quarantina di vittime e quasi un centinaio di feriti. La conferma dalle autorità russe: nei pressi del luogo dell’incidente sarebbero stati trovati i resti di un ordigno. Un’ipotesi in precedenza già avanzata dall’agenzia Interfax, che aveva parlato di un cratere dal diametro di un metro, rinvenuto a ridosso dei binari.

“Ci sono elementi oggettivi che permettono agli investigatori di ipotizzare l’esplosione” aveva anticipato il presidente delle Ferrovie Russe. Partito da Mosca con oltre 650 persone a bordo, il Nievski Express era diretto a San Pietroburgo. Il deragliamento poco dopo le 21.30 locali, nei pressi di Bologoye, a poche centinaia di chilometri dalla capitale russa. La tratta ferroviaria interessata è fra le principali del paese. Migliaia le persone, che vi transitano ogni giorno. “Ero nella seconda carrozza – racconta uno dei passeggeri che si trovava a bordo -, una di quelle che sono deragliate. Il mio sedile si è staccato e mi sono ritrovato al centro della carrozza”. Le agenzie russe riferiscono di una prima rivendicazione da parte di un sedicente gruppo ultranazionalista, però sconosciuto alle autorità. Pubblicato sul proprio blog da un militante di destra, il testo minaccerebbe nuove azioni. Ancora in corso, intanto, il processo a tre ingusci, accusati di un attentato simile sulla stessa tratta, nell’agosto del 2007.