ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Opel: tagli per novemila posti di lavoro

Lettura in corso:

Opel: tagli per novemila posti di lavoro

Dimensioni di testo Aa Aa

La General Motors intende mantenere tutti gli impianti della Opel in Germania, anche se punta a ridurre del 20% la capacità produttiva della casa automobilistica tedesca nonché a tagliare 9.000-9.500 posti in Europa. E’ la notizia principale emersa al termine del comitato d’impresa di Opel tenutosi a Wiesbaden.

Secondo l’amministratore delegato della casa americana Nick Reilly il piano di ristrutturazione prevede il taglio del 20% della forza lavoro pari ad una riduzione del personale di 9000-9500 unità” La casa di Detroit inoltre ha deciso il trasferimento della sede europea da Zurigo in Svizzera a Russelheim, dove si trova uno degli stabilimenti storici di Opel. Un segnale molto positivo per i lavoratori come sottolinea Roland Koch il presidente della regione di Francoforte. Per il momento nessun commnento da parte degli operai di Russelheim. Se General Motoris riesce a presentare un piano di ristrutturazione in Germania in linea con le previsioni, le cose vanno di male in peggio in Svezia. Nel paese scandinavo infati lo stop alla trattative per la vendita di Saab alla casa alta di gamma Koenigsegg fanno temere il peggio. Secondo fonti di stampa sarebbe interessata a rilevare Saab una società cinese che pero’ per il momento non ha dato alcun segno d’interesse, altrimenti non resta che la chiusura pura e semplice degli impianti. Con tutto quello che ne consegue.