ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Tornati in Spagna i 36 dell'Alakrana. Polemiche sul rilascio

Lettura in corso:

Tornati in Spagna i 36 dell'Alakrana. Polemiche sul rilascio

Dimensioni di testo Aa Aa

Sono tornati in Spagna con grande discrezione i pescatori spagnoli liberati martedì dopo aver passato un mese e mezzo nelle mani dei pirati somali. I 36 membri dell’equipaggio dell’Alakrana erano partiti per la pesca al tonno nell’oceano Indiano. L’arrembaggio è avvenuto il 2 ottobre.

Dopo la loro liberazione, durante un primo scalo alle Seychelles, hanno detto di essere stati spesso minacciati di morte durante la loro detenzione. I pirati hanno rivelato il governo spagnolo avrebbe pagato un riscatto pari a 2 milioni e 300 mila euro. Un’informazione indirettamente confermata dal premier spagnolo Zapatero secondo il quale il suo esecutivo ha fatto quanto era necessario per ottenere la liberazione degli ostaggi. Un atteggiamento criticato dall’opposizione che ha chiesto un dibattito parlamentare sulla gestione del sequestro. Anche la giustizia spagnola si interessa alla dinamica dei fatti e un giudice ha aperto un’inchiesta. Di fronte al moltiplicarsi di fatti di pirateria in varie parti del mondo, i russi hanno proposto la creazione di un tribunale penale internazionale per processare i responsabili.