ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"Il cattivo tenente": Herzog rifà Abel Ferrara

Lettura in corso:

"Il cattivo tenente": Herzog rifà Abel Ferrara

Dimensioni di testo Aa Aa

Terence McDonagh è un tenente della polizia di New Orleans. In un’operazione dopo l’uragano “Katrina”, subisce un grave infortunio alla schiena. Da qui, una crescente dipendenza dagli antidolorifici che inizia ad assumere in dosi sempre più massicce. Ancora determinato a combattere la criminalità, finisce però per restarne invischiato.In anteprima mondiale all’ultima Mostra del Cinema di Venezia, il film “Il cattivo tenente – Ultima chiamata New Orleans” era qui stato presentato in concorso. A dirigerlo, il celebre Werner Herzog, già regista di “Fitzcarraldo” e presidente di giuria del prossimo Festival di Berlino.

“Qual è stata la mia esperienza con le droghe? – risponde Herzog in conferenza stampa -. Assolutamente nessuna. Nicolas Cage ne prende… nel film! Era così convincente, che ho dovuto ordinare al nostro uomo degli effetti speciali di non dargli più cocaina. Poi, ovviamente, ho scoperto che si trattava di zucchero. O qualcosa di simile”. Compagna del tenente è nella storia una prostituta interpretata dalla bravissima Eva Mendes. “Nel buio e nel torbido – spiega la diva -, ma è una storia d’amore molto innocente. Proprio questa è la bellezza che vedo nel mio personaggio e nel loro rapporto”. Titolo a parte, non ci sono veri riferimenti al “Cattivo tenente” di Abel Ferrara, film del ’92 incentrato su un tenebroso e sregolato poliziotto in cerca di redenzione, interpretato da Harvey Keitel. Una parte che questa volta spetta a Nicolas Cage. “Abel Ferrara – racconta l’attore – è uno dei miei registi preferiti. Adoro i suoi film. Mi è piaciuto molto ‘Il cattivo tenente’ con Harvey Keitel e ho apprezzato il suo lavoro, ma trovo bellissimo anche ‘Re di New York’. In questo caso, sapevo che Werner avrebbe tradito l’originale e fatto un film tutto suo. E’ un regista che riesce a travolgermi. Lo considero un autore esistenziale, libero dall’impostazione giudaico-cristiana di Abel Ferrara”.