ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Top posti Ue: non c'è accordo tra i 27

Lettura in corso:

Top posti Ue: non c'è accordo tra i 27

Dimensioni di testo Aa Aa

A due giorni dal summit europeo straordinario, convocato per nominare il presidente e il ministro degli Esteri, le due nuove figure introdotte dal Trattato di Lisbona, tra i 27 regna l’incertezza.

Se c‘è quasi accordo sul presidente, in pole position il premier belga Herman Van Rumpoy, la figura del nuovo Mister Pesc divide. In testa alla lista c‘è l’italiano Massimo d’Alema, che al momento è lontano dall’ottenere il consenso unanime dei 27. Da più parti si auspica che i 27 si mettano d’accordo entro giovedì: una nomina a maggioranza e non all’unanimità, ne varrebbe dell’autorevolezza dei due nuovi alti responsabili europei. I negoziati procedono senza sosta, sotto la presidenza svedese. Quest’ultima è a sua volta oggetto di numerose critiche per non essere riuscita a incanalare il consenso dei 27 su due soli candidati. Persistono al momento una ventina di candidature.