ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Pirateria: liberato il peschereccio spagnolo

Lettura in corso:

Pirateria: liberato il peschereccio spagnolo

Dimensioni di testo Aa Aa

Si è conclusa l’Odissea dell’Alacrana, il peschereccio spagnolo, sequestrato il 2 ottobre dai pirati somali. I 36 uomini dell’equipaggio sono stati tutti liberati, insieme al capitano. La svolta dopo il pagamento di un riscatto di 4 milioni di dollari. A confermare il lieto fine della vicenda, lo stesso premier spagnolo Zapatero. “Il peschereccio Alakrana naviga ora liberamente verso acque più sicure – è stato il suo primo annuncio -. Tutti a bordo sono sani e salvi. E’ un epilogo felicissimo, a cui stavamo lavorando fin dal dal primo giorno”. Insieme al riscatto, i pirati avevano chiesto anche la liberazione di due loro compagni, detenuti in Spagna. Comparsi davanti al giudice, i due saranno processati fra quindici giorni. Ai pattugliamenti delle acque somale partecipa intanto anche l’Unione Europea. Lunedì l’ennesimo episodio di pirateria: un cargo chimico da quasi 23.000 tonnellate, sequestrato al largo delle Seychelles, con a bordo un equipaggio coreano di 28 persone.