ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Kosovo al voto, minoranza serba tra boicottaggio e partecipazione

Lettura in corso:

Kosovo al voto, minoranza serba tra boicottaggio e partecipazione

Dimensioni di testo Aa Aa

Un milione e mezzo di kosovari votano oggi per il rinnovo delle amministrazioni locali di 36 comuni, compresa la capitale Pristina.

Si tratta della prima consultazione dopo l’autoproclamazione di indipendenza pronunciata nel febbraio 2008 e mai accettata da Belgrado. Nonostante sul voto pesi il boicottaggio della minoranza serba, il premier Thaci parla di un successo democratico: “Sono certo che arriverà un grande risultato, e noi apprezziamo molto la partecipazione di tutti i cittadini, in particolare dei serbi del Kosovo. Stiamo costruendo un paese multietnico, in vista dell’integrazione nell’Unione europea”. Soprattutto nelle città in cui sono numericamente prevalenti, come Mitrovica o Gracanica, alcune comunità serbe hanno accettato di partecipare al voto, nella speranza di eleggere dei loro esponenti. Una decisione in controtendenza, dato che riconoscere le elezioni significa riconoscere anche la legittimità delle istituzioni nate dalla secessione. Momcilo Trajkovic, leader serbo e candidato al comune di Caglavica