ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

11 settembre: processo a New York

Lettura in corso:

11 settembre: processo a New York

Dimensioni di testo Aa Aa

Saranno processati in un tribunale di Manhattan, a pochi metri da dove sorgeva il World Trade Center, i cinque uomini accusati di aver organizzato gli attentati dell’11 settembre 2001.

La presunta mente dell’attacco terroristico, Khaled Sheikh Mohammad e i suoi quattro complici compariranno davanti a una corte civile. I cinque sono attualmente detenuti a Guantanamo, ma saranno trasferiti in un carcere di New York, tra severissime misure di sicurezza, per essere sottoposti a giudizio. L’amministrazione statunitense punta alla pena di morte, ma il ministro della giustizia americano crede comunque in un processo giusto. “Saranno portati a New York per rispondere dei loro presunti crimini, in un tribunale a pochi isolati di distanza da dove sorgevano le Torri Gemelle. Confido nella capacità dei nostri giudici di garantire agli imputati un processo equo”. L’associazione delle famiglie delle vittime dell’11 settembre ha fatto sapere che avrebbe preferito per i cinque la corte marziale. “Volete – dice quest’uomo che nell’attacco ha perso la moglie – dar loro lo stesso tipo di protezione che ha quel ragazzo arrestato per spaccio di droga qui a Bleaker Street? Non credo”. “Beh, appartiene a questo posto. Qui è dove è accaduta la tragedia, e qui è dove deve svolgersi il processo”. Molti newyorkesi invece temono che il procedimento giudiziario faccia da cassa di risonanza, mettendo di nuovo in pericolo la città che potrebbe tornare ad essere obiettivo del terrorismo di matrice islamica.