ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Obama in Cina: obiettivo rivalutare lo yuan

Lettura in corso:

Obama in Cina: obiettivo rivalutare lo yuan

Dimensioni di testo Aa Aa

La Cina è un partner vitale, ma soprattutto un competitor. Chi ha pronunciato questo giudizio non un industriale qualunque, ma il presidente degli Stati Uniti in persona. Una visita quella di Barack Obama che si è la piu’ difficile tra quelle iniziate in Asia dall’inquilino della Casa Bianca. Oggi le relazioni commerciali tra Washington e Pechino sono difficili, eufemismo per dire che sono burroscose. La prova è data dalle cifre dell’interscambio commerciale che presenta un saldo negativo di 268 miliardi di dollari per gli Stati Uniti. Tra i prodotti made in China piu’ richiesti negli States i manufatti tessili, i computer, i giocattoli e le biciclette. Invece sono molto richiesti sul mercato cinese i germogli di soya, i semiconduttori e gli aerei.

Un mercato quelle cinese molto protetto a causa del cambio fisso della moneta locale, lo yuan, nei confronti del dollaro. Il presidente Obama chiederà la rivalutazione dello valuta: obiettivo aprire le porte del mercato piu’ vasto del mondo ad un numero piu’ ampio di prodotti.