ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Quale futuro per la leadership palestinese?

Lettura in corso:

Quale futuro per la leadership palestinese?

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ l’ultimo atto di Yasser Arafat: il 29 ottobre del 2004 lascia Ramallah in elicottero; destinazione Parigi, da dove però non tornerà vivo. Cinque anni dopo, cosa resta della leadership palestinese e del processo di pace?

Dopo la scomparsa del leader storico, tocca a Mahmud Abbas prendere il testimone. Sembra allora possibile l’armonia tra il partito Fatah del moderato Abbas e gli estremisti di Hamas guidati da Ismail Haniyeh. Ma nel 2007 le illusioni sono già finite: è scontro armato tra le due anime palestinesi. Le ostilità si concluderanno con Hamas che assume il controllo della Striscia di Gaza. Ma il nuovo assetto non serve a rilanciare il processo di pace in Medio Oriente. Il summit del Cairo, nel gennaio scorso, non riesce a riconciliare le parti palestinesi. Le proposte del persidente egiziano non sono state ancora accolte da Hamas. Nel frattempo, la popolarità di Abbas è in discesa. Il suo cambio di atteggiamento rispetto alle accuse di crimini di guerra mosse contro Israele in occasione dell’attacco su Gaza ha per risultato di isolarlo sia dall’interlocutore israeliano che dal suo stesso elettorato. L’atteggiamento prudente degli Stati Uniti rispetto al programma israeliano di colonizzazione è forse una delle ragioni che hanno convinto Abbas a gettare la spugna. “I palestinesi non sono attualmente interessati a leader che piacciano alla comunità internazionale – dice Nader Said, rsponsabile del Palestinian Polls Centre -. Preferiscono qualcuno che possa realmente cambiare la situazione, che sia in grado di negoziare con Stati Uniti e Israele, e quindi, di conseguenza, sia popolare tra i palestinesi”. Tra i nomi che si fanno per la successione di Abbas c‘è quello di Marwan Barghuti, ex capo di Fatah a Gaza, attualmente in carcere in Israele dove sta scontando 5 ergastoli. Ma all’interno di Fatah cresce l’appoggio per Nader Al-Kidwa, ex diplomatico alle Nazioni Unite. Al-Kidwa è nipote di Yasser Arafat: fattore che potrebbe rappresentare un elemento di continuità.