ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Nel quinto anniversario della morte di Arafat, la mano tesa di Abbas a Hamas


mondo

Nel quinto anniversario della morte di Arafat, la mano tesa di Abbas a Hamas

Se ne andrà? Resterà? Non si conoscono ancora le intenzioni di Mahmoud Abbas, che dopo aver annunciato di non volersi ricandidare alla presidenza dell’Autorità Palestinese, oggi, in occasione del quinto anniversario della morte di Arafat, ha detto di non voler parlare del proprio futuro.

In Cisgiordania, a Ramallah, c‘è stata una grande commemorazione. Abbas ha reso omaggio al defunto rais al mausoleo a lui dedicato, ed è tornato a dettare le sue condizioni per un’eventuale ripresa dei negoziati di pace cogli israeliani: elemento imprescindibile è lo stop alla colonizzazione da parte dello stato ebraico. Poi il messaggio di apertura ai palestinesi di Hamas: “Abbiamo detto di volere la riconciliazione, ha dichiarato, perché è importante che il popolo sia unito. Non siamo soddisfatti di questa separazione, non vogliamo negare l’esistenza altrui.” Una mano tesa ad Hamas che conquisto’ il potere a Gaza nel 2007 allontanando al Fatah con la forza. La giornata commemorativa potrebbe segnare una svolta, con l’invito di Abbas ad accogliere la proposta egiziana e porre fine alla divisione, salvando cosi’ l’eredità di Yasser Arafat.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Razzismo: ergastolo in Germania all'asssassino di Marwa El-Sherbini