ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Havel all'Europa: superare i confini

Lettura in corso:

Havel all'Europa: superare i confini

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Europa modello per il mondo intero: di una nuova forma di organizzazione degli stati, di condivisione dei valori nelle diverse tradizioni. E’ l’auspicio e, insieme, la soddisfazione espressi dall’ex presidente ceco Vaclav Havel, uomo simbolo di quegli anni, ospite d’onore alla seduta solenne del Parlamento Europeo a Bruxelles, in occasione del ventesimo anniversario della caduta del Muro di Berlino.

“Solo perchè sono un cittadino europeo non significa che dimentico di essere un cittadino ceco, al contrario come Ceco sono anche Europeo. In termini poetici dico che l’Europa è la patria di tutte le nostre patrie”. Un filmato ha ripercorso gli eventi accaduti nell’89 non solo in Germania, ma anche in Cecoslovacchia, in Ungheria e in Romania, fatti che hanno trasformato l’Europa e le relazioni tra i paesi. La caduta del Muro fu il simbolo dell’unificazione e della libertà, di cui Vaclav Havel fu testimone e protagonista.